Mirella Barberio_website artist

Works 2014

  Home 

  

Tema: Il creatore di miti non si è estinto.

Egli è presente nel nostro tempo e si esprime pur sempre mediante un tipo di pensiero apodittico, inconfutabile, vero, assoluto, eterno. Dedalo e Icaro, sopravvalutando il portato della tecnologia del loro tempo, ritenuta Nec plus ultra, a causa del loro pensiero apodittico, vanno incontro alla catastrofe.  Il creatore di miti contemporaneo, gestendo la propria vita avvalendosi anch’egli del pensiero apodittico, posto difronte al portato della scienza vs tecnologia vs tecnica, sta procedendo verso lo stesso destino?

Theme: The creator of myths has not extinct.

He is present in our time and still expresses himself through a kind of apodictic, irrefutable, true, absolute, eternal thought. Dedalo and Icaro, overestimating the reach of their time technology, considered Nec plus ultra, because of their apodictic thinking, are facing the catastrophe. The creator of contemporary myths, managing his own life, also using the apodictic thought, placed behind the reach of science vs. technology vs technique, is moving toward the same destiny?

 L'odierno Pegaso in nube di luce. Olio su tela, cm. 150 x 100.

Today's Pegasus in cloud of light. Oil on canvas, cm. 150 x 100.

 Novello Icaro, 3100 d.C. Pittura a olio, cm 110 x 120

Description of the work - Novello Icaro, 3100 d.C. 2014 - Oil Painting, cm 110 x 120.

My reflection does not focus particularly on the issues debated since the 19th century to date, inherent in the effects of science / technology / technique, or on how well or how badly they have come about. Instead, I reflected on the fact that the majority of humans, especially in the present, welcome the development of science / technology / technique, still using apodictic thinking and not through careful and consistent reflection based on experience and methodological doubt.
My studies, concerning the pre-Greek and Greek world, have allowed me to recall that the Sophists wanted to prove the truth of an affirmation, using only reasoning, without ever having the comfort of a careful, scrupulous and dubious study of the scope of ' Experience, even in very distant times, were the creators of myths to avail themselves of this kind of thought.
This has led me to propose the following reasoning, that even today, human beings live the reality producing exasperate solipsistic behavior, because of which all interest is focused only on the immediate relationship between themselves and the technological-technological object possessed , While any objective reality that does not fall within its sphere of interest is clearly ignored, out of reflection and, consequently, that this manifestation of self-centeredness is supported by the very type of thought already elaborated by the ancient creators of myths.
The first creators of myths, on the one hand, were attentive when they looked carefully at certain natural phenomena - think, for example, of the observations they made when they realized that their females and females of other species were born in the same way - On the other hand, they faced phenomena that, according to them, descended from an invisible world, elaborated - even in the face of strong emotion - of the apodictic answers, which were definitely not dubious. They, without any mediation, came directly to unrealistic conclusions.
Reflecting on the example of bare females, we can hypothesize that the creator of myths, even moving from this rational observation, adopted it, without the least doubt, to explain apodictically the genesis of the Cosmos. In fact, on the basis of this type of thought, he elaborated a myth, which said that from an invisible chaos (in ancient Sanskrit-Greek this word also meant crack, dirt, ...) could have spilled the World wrapped by a ' (Belt, ζώνη [-ης, ἡ], fence, φράκτης, containing neatly all the visible manifestations, in turn, each surrounded by a 'belt', 'skin', such as the womb when wrapped around The fetus or the entire human body, whose body, properly, keeps all organs neatly within it.
He, though starting from "pretcientific" but unquestionable observations, transposed, on an emotional basis, by the production of an apodictic thought, conclusively considered to be truly true, incontrovertible, eternal. When, over time, distant pregrets strengthened their technologies and the resulting techniques, while accentuating their "prescientific" rationality, kept emotionally, as the first creator of myths, the apodictic approach to the world, adopting a conclusion then Systematized in the epistemas elaborated by the classical Greek philosophy and protracted for many centuries. This was so long as, in modern times, Nietzsche proposed the end of Greek epistemic thought, at that time still in force.
Some of these mythical creations make us understand that that humanity fantasized about the possible achievement of unlimited human power, caused by the then-reached technological-technical capability - an example, the handed down myth of Icarus.
It will be remembered that Dedalo, Icarus's father, escaped from a labyrinthic world, in which they lived, with much presumption, but also at the same time showing an apodictic thought, convinced that the technology and technique of his time allowed him to Flying to gain freedom, built the famous wings, held together by a wax dough. It was a failure marked by the death of Icarus. A failure for the one who, having the opportunity to experiment and therefore ask why 'of things, persisted and turned only to the' how 'and propose, in effect, an apodictic ruling.
In the current cultural context, the conviction that science, technology, and technology can give humanity and immortality to prospects, replicates the tendency of bankruptcy, similar to that of the mythical Dedalo and Icaro.
In the painting I have elaborated, which should not be erroneous, generically labeled as informal, relying on the above-mentioned context, I derive from this meaning, while on the part of the signifier, I wanted to extend, in an extreme synthesis, the matter with Strong and resolute movement accompanied by a decisive and screaming 'no!', Testifies to a net rejection of the behavior, to say the least insensitive, held by the present humanity.

 

Descrizione dell'opera -  Novello Icaro, 3100 d.C. Pittura a olio, cm 110 x 120

 

La mia riflessione non si sofferma particolarmente sulle questioni dibattute dal secolo XIX ad oggi, inerenti gli effetti prodotti dalla scienza/tecnologia/tecnica, ovvero su quanto bene o quanto male da essi sia scaturito. Invece, ho riflettuto sul fatto che la maggioranza degli esseri umani, soprattutto nell'attualità, accoglie lo sviluppo della scienza/tecnologia/tecnica, ancora avvalendosi del pensiero apodittico e non mediante attenta e consistente riflessione asata sull'esperienza e sul dubbio metodologico. I miei studi, inerenti il mondo pregreco e greco, mi hanno consentito di ricordare sia che i Sofisti volevano dimostrare la verità di una affermazione, servendosi del solo ragionamento, senza avere mai il conforto di uno studio attento e scrupoloso e dubbioso sul portato dell'esperienza, sia che, in tempi ancora molto lontani, furono i creatori di miti ad avvalersi di questo tipo di pensiero.

Ciò mi ha indotto a proporre il seguente ragionamento, ossia che, ancora oggi, l'essere umano vive la realtà producendo comportamenti esasperatamente solipsistici, a causa dei quali ogni interesse è incentrato solo sul rapporto immediato tra sé e l'oggetto tecnologico-tecnico posseduto, mentre ogni realtà oggettiva che non rientri nella propria sfera d'interessi, è decisamente ignorata, fuori portata dalla riflessione e, conseguentemente, che questo manifesto egocentrismo sia supportato proprio dal tipo di pensiero già elaborato dagli antichi creatori di miti.

I primi creatori di miti, se da una parte, furono attentissimi quando guardarono accuratamente  certi fenomeni naturali - si consideri, ad esempio, le osservazioni che fecero quando si accorsero che le loro femmine e le femmine di altre specie partorivano allo stesso modo - dall'altra parte, essi, invece, posti di fronte a fenomeni che, secondo loro discendevano da un mondo a loro invisibile, elaborarono — anche in preda a una forte emotività — delle risposte apodittiche, decisamente non dubitative. Essi, senza alcuna mediazione, saltarono direttamente a conclusioni non realistiche. Rifacendoci all'esempio delle femmine partorienti, possiamo ipotizzare che il creatore di miti, pur movendo da questa osservazione razionale, la adottasse, senza il minimo dubbio per spiegare, appunto, apoditticamente la genesi del Cosmo. Nei fatti, sulla scorta di quel tipo di pensiero, egli elaborò un mito, il quale narrava che da un invisibile caos (in sanscrito-greco antico questo vocabolo significava anche fessura, antro, … ) potesse essere fuoriuscito il Mondo avvolto da una 'cinta' (cintura, ζώνη [-ης, ἡ], recinto, φράκτης, contenente ordinatamente tutte le manifestazioni visibili, avviluppate, a loro volta, ciascuna da una 'cinta', da una 'pelle', come sono il ventre materno quando avvolge il feto o l'intero corpo umano, la cui cinta, propriamente, mantiene ordinatamente all'interno di essa tutti gli organi.

Egli, pur partendo da constatazioni “prescientifiche” ma inoppugnabili, trasse, su base emotiva, mediante  la produzione di un pensiero apodittico, conclusioni ritenute fermamente vere, incontrovertibili, eterne. Quando, col passare del tempo, i lontani pregreci potenziarono le loro tecnologie e le conseguenti tecniche, pur accentuando la loro razionalità “prescientifica”, mantennero emotivamente, come il primo creatore di miti, anche l'approccio apodittico al mondo, adottando una conclusione poi sistematizzata nella epistéme elaborata dalla filosofia greca classica e protrattasi per molti secoli. Ciò avvenne fintanto che, in epoca modernista, Nietzsche propose la fine del pensiero epistemico greco, in quel momento ancora vigente.

Alcune di queste creazioni mitiche ci fanno ben comprendere che quell'umanità fantasticò sul possibile raggiungimento di una potenza umana illimitata, causata dall'allora raggiunte rcapacità tecnologiche-tecniche: ne è un esempio, il tramandato mito di Icaro.

Si ricorderà che Dedalo, padre di Icaro, per fuggire da un mondo labirintico, in .cui essi vivevano, con molta presunzione, ma palesando, nel contempo, un pensiero apodittico, convinto che la tecnologia e la tecnica del suo tempo gli consentissero di poter volare per ottenere la libertà, costruì le famose ali, tenute assieme da un impasto di cera. Fu un fallimento segnato dalla morte di Icaro. Un fallimento per colui che, avendo possibilità di esperire e pertanto chiedere il 'perché' delle cose, persisté e si rivolse solo al 'come' e propose, per l'appunto, una sentenza apodittica. 

Nel contesto culturale attuale, la convinzione che la scienza, tecnologia, tecnica, possa donare, in prospettiva, all'umanità finanche l'immortalità, ripropone la situazione, tendenzialmente fallimentare, analoga a quella in cui si trovarono i mitici Dedalo e Icaro. 

Nel dipinto da me elaborato, che non dev'essere erroneamente, genericamente etichettato come informale, basandomi sul contesto sopra esplicitato, da questo ho tratto il significato, mentre, dalla parte del significante, ho voluto stendere, in una sintesi estrema, la materia con forte e deciso movimento accompagnato da un altrettanto deciso ed urlato 'no!, testimoniante un nettissimo rifiuto del comportamento, a dir poco insensato, tenuto dall'attuale umanità.  

Home